ALFREDO BARCHI

Direttore artistico e direttore principale

Titolare dal 1989 della cattedra di Esercitazioni Orchestrali presso il Conservatorio "J. Tomadini" di Udine, ha studiato oboe con Gino Siviero e direzione d'orchestra con Gianfranco Masini. Ha svolto attività concertistica con il Sestetto Poulenc. Nel 1979 è stato premiato da Goffredo Petrassi al 2° Concorso Internazionale di Ancona ed è stato invitato al Festival Internazionale di Langeais. Tra le registrazioni effettuate si annoverano Un concerto per domani, trasmesso sulla prima rete nazionale a cura di G. Carli Ballola, e Nuovi Concertisti sulla terza rete R.A.I.

In seguito ha scelto la strada della direzione d'orchestra frequentando un corso di perfezionamento a Brescia tenuto da Alceo Galliera. Ha collaborato come assistente preparatore di Daniel Oren per l'allestimento di Lucia di Lammermoor al Teatro Regio di Parma, indi per Adriana Lecouvreur al Teatro La Fenice di Venezia. La sua prima direzione risale al 1984 al Teatro dell'Aquila di Fermo con il Requiem di Mozart. Dal 1991 al 1996 è stato direttore artistico e direttore principale dell'Orchestra Filarmonica di Udine, alla direzione della quale ha eseguito il maggiore repertorio sinfonico, Don Pasquale (1995) e La Bohème (1996). Nel corso di questi anni ha accompagnato cantanti quali B. Prior, L. Mazzaria, L. D'Intino, B. Giaiotti, A. Mariotti, M. Pecile ed altri. Per il ventennale del terremoto in Friuli ha diretto il Requiem di Luigi Cherubini, trasmesso sulla prima rete nazionale.

Nel 1998  Alfredo Barchi è stato tra i fondatori di Società Filarmonìa, di cui è direttore artistico e direttore d'orchestra principale per tutti i progetti concertistici promossi ed organizzati dalla stessa.

L'Associazione Società Filarmonìa è sorta con lo scopo di promuovere la cultura musicale e proporre concerti di alto profilo artistico riunendo esperienze e competenze musicali diversificate. Musicisti operanti nelle maggiori orchestre italiane sono quindi entrati a far parte di una struttura assai duttile, al fine di assicurare la presenza di esecutori di elevato livello e di offrire opportunità ai talenti emergenti, sia in qualità di solisti che di membri dei due organici costituitisi al suo interno", l'Orchestra della Società Filarmonia e I Virtuosi di Aquileia.

La Società Filarmonìa è stata protagonista di numerosi appuntamenti concertistici di grande rilievo, tra i quali vanno ricordati: il concerto inaugurale della stessa, tenuto nell'ambito del cartellone Udine d'Estate 1998, i concerti udinesi per il "FAI - Fondo per l'Ambiente Italiano" del 1998 e 1999, il "Grande Concerto d'Estate" per Udine d'Estate 1999, "Rossiniana" in collaborazione con Friuli Doc 1999. Tra marzo ed aprile 1999 Alfredo Barchi ha diretto la sua orchestra in "Mozart, Concerti e Sinfonie" al Teatro Nuovo di Udine (cinque appuntamenti che hanno ottenuto il prestigioso patrocinio dell'Internationale Stiftung Mozarteum Salzburg); nel novembre dello stesso anno è stato invitato nell'ambito del prestigioso cartellone della Società dei Concerti del Teatro Regio di Parma presentando un analogo programma mozartiano. A questo è seguita una seconda edizione di "Mozart, Concerti e Sinfonie" presso il Giovanni da Udine tra gennaio e maggio 2001. Subito dopo è stato nuovamente invitato dalla Società dei Concerti di Parma nella stagione 2000-2001.

Nell'aprile 2000 si è esibito nel concerto inserito nella stagione musicale del Teatro Nuovo di Udine (solista, Stefan Milenkovich).

Il mese seguente è stato varato il progetto culturale Musica per il Friuli 2000, ricerca d'archivio, trascrizione ed esecuzione, spesso in prima assoluta, di pagine del repertorio sinfonico e sinfonico-vocale di autori friulani, giuliani ed istriani. I tre concerti tenuti al Teatro Nuovo Giovanni da Udine nel maggio 2000 e nel marzo 2003, gli appuntamenti al Teatro "Adelaide Ristori" di Cividale del Friuli nel novembre 2000, presso la Chiesa di S. Francesco di Cividale del Friuli e la Sala Maggiore del Mozarteum di Salisburgo nel giugno 2001, e le esecuzioni di pagine sacre in diversi contesti liturgici presso il duomo di Udine e il duomo di Pordenone, la basilica di Aquileia e l'abbazia di Rosazzo (Manzano), hanno riportato alla luce pagine dimenticate dei più importanti compositori della Regione Friuli-Venezia Giulia, contribuendo notevolmente all'attuale dibattito sulla cultura e l'arte in Friuli negli ultimi due secoli.

A tutto questo si aggiungono: l'omaggio a Giuseppe Verdi nel centenario della scomparsa; concerti sinfonico-vocali tenuti nel luglio 2001 all'Arena Alpe Adria di Lignano Sabbiadoro; il concerto tenuto a Udine per il cartellone di Udine d'Estate, (serata ripetuta ad Aquileia e Klagenfurt); il concerto per la Croce Rossa Italiana al Teatro Nuovo di Udine nel novembre 2001; il progetto per l'estate 2002, "I' mi trovai, fanciulle, un bel mattino...- Un itinerario nella fiaba musicale" interpretato da Paolo Villaggio.

Nel 2003 ha realizzato il CD "Musiche in Friuli –Rare works of musicians from Friuli", per l'etichetta Bongiovanni. Nell'estate dello stesso anno ha presentato "Mediterraneo - Un itinerario fra poesia, canzone d'autore e…", al quale hanno partecipato le voci di Pamela Villoresi e Omero Antonutti, concerto svolto nell'ambito del "Mittelfest 2003" di Cividale del Friuli, il progetto "Suite 1797", dedicato alla figura di Napoleone in Friuli e ai compositori contemporanei Valter Sivilotti, Marco Sofianopulo e Daniele Zanettovich (progetto inserito nel cartellone 2003-2004 del Teatro Nuovo Giovanni da Udine), il concerto-intervista "Omaggio del Friuli a Fellini" il 23 settembre 2004 con musiche di Rota, Bacalov, Plenizio eseguite da "I Virtuosi di Aquileia", con l'intervista all'attrice Sandra Milo curata dalla giornalista Gloria De Antoni.

Nel maggio 2005, presso il Teatro Nuovo Giovanni da Udine, ha diretto l'opera inedita multimediale "Cagion d'Honore" di Walter Sivilotti su testo di Renato Stroili Gurisatti (Teatro Nuovo Giovanni da Udine). Il mese seguente, per il progetto Il Carro di Tespi ha diretto l'opera lirica "Il Barbiere di Siviglia" di Gioacchino Rossini, itinerante in sei piazze del Friuli Venezia Giulia.

Il 27 maggio per il cartellone 2006 del Teatro udinese, l'Orchestra della Società Filarmonìa è stata protagonista dell'evento musicale "Il segreto della tredicesima luna" del drammaturgo Renato Stroili Gurisatti, con le musiche di Cristian Carrara, Daniela Terranova e Giulia D'Andrea (balletto-fiaba per attori, danzatori, solisti e orchestra che ha coinvolto le migliori risorse artistiche giovanili della regione Friuli-Venezia Giulia).

Nell'estate 2006 nuovamente nell'ambito del Il Carro di Tespi ha realizzato l'opera lirica "Cavalleria Rusticana" di Pietro Mascagni in cinque città della Regione Friuli Venezia Giulia tra cui Udine e Pordenone. Poco tempo dopo ha realizzato un concerto celebrativo per i cinquant'anni di fondazione della Banca Credem, filiale di Boretto (RE). Ha poi inciso il disco "Mozart", realizzato con l'Orchestra dei Virtuosi d'Aquileia, per l'etichetta Stradivarius.

Nel maggio del 2007, l'Orchestra della Società Filarmonia si è resa interprete all'interno della stagione musicale del Teatro Giovanni da Udine, dello spettacolo di canzoni d'autore "Il Fuoco del Mondo", e successivamente per Il Carro di Tespi, Alfredo Barchi ha diretto "L'elisir d'amore" di Gaetano Donizetti, e in occasione del Natale "Celebri concerti per oboe" con i solisti A. Negroni, S. Rava, L. Vignali.

Il 21 maggio 2008, sempre con l'Orchestra Società Filarmonia, ha diretto "Lyric Concert - ouvertures, arie e concertati" per il decennale della fondazione della Società Filarmonia presso il Teatro Nuovo di Udine.

Nel mese di luglio per il progetto Il Carro di Tespi ha diretto l'opera lirica "La Cenerentola" di Gioacchino Rossini.

In occasione del Natale 2008, l'Orchestra I virtuosi di Aquileia è stata protagonista del suggestivo concerto "A Lume di Candela" che si è svolto il 23 dicembre 2008 presso la Chiesa di S. Pietro Martire di Udine nell'ambito della manifestazione Dicembre a Udine organizzata dall'Amministrazione Comunale.

Nel maggio 2009, in cartellone al Teatro Giovani da Udine, l'Orchestra della Società Filarmonia è in concerto con il solista Davide Cabassi e propone un repertorio tra classico e contemporaneo con la scelta di un brano del compositore Renato Miani.

Nell'estate 2009 il progetto Il Carro di Tespi giunge alla sua quinta edizione e mette in scena l'opera buffa "Don Pasquale" di Gaetano Donizetti che, oltre all'ormai collaudato tour nelle piazze friulane, ha l'onore di essere invitato nella città di Zagabria nella prestigiosa piazza del Parlamento.

Nel mese di luglio 2010 per la VI edizione del progetto Il Carro di Tespi mette in scena nelle consolidate piazze del Friuli l'opera di G. Verdi La Traviata, con grande successo di pubblico e di critica anche presso la prestigiosa Arena di Pola in Croazia.

In agosto 2010 è il direttore artistico e dirige l’Orchestra della Società Filarmonia nei Concerti itineranti "Serata di Gala" che hanno avuto luogo in 14 Piazze della Regione.

Nel 2011 con la VII edizione de Il Carro di Tespi porta il capolavoro verdiano "Rigoletto" in tournèe toccando 10 piazze, ai quali si aggiunge il rinnovato invito in Croazia, a Zara, dove il progetto è stato accolto in un affollatissimo Foro Romano.

Il maestro Alfredo Barchi incide per Bongiovanni e Stradivarius.